Estate Musicale del Garda, bilancio entusiasmante

By morning bell Le ultime novità Nessun commento su Estate Musicale del Garda, bilancio entusiasmante

estate musicale del garda

Un’Estate Musicale entusiasmante, sul piano dei numeri e della qualità. Un progetto, quello concepito dal direttore artistico Roberto Codazzi, che ha convinto per il sapiente mix di tradizione e innovazione. Passa agli annali la 58esima edizione dell’Estate Musicale del Garda “Gasparo da Salò”, il festival violinistico internazionale che la cittadina gardesana dedica al suo figlio più illustre. L’unico punto dolente è stato il meteo che ha costretto gli organizzatori a rinunciare, tre volte su quattro, al “teatro sotto le stelle” di piazza Duomo, tradizionale sede della rassegna, ma la Cattedrale ha offerto un’alternativa splendida e suggestiva ai concerti che il maltempo non ha consentito di allestire all’aperto.

Piena soddisfazione da parte del sindaco di Salò Giampiero Cipani e dal presidente della Pro loco cittadina Nicola Tranquilli, fortemente impegnati a portare avanti un festival che per Salò rappresenta la punta di diamante della ricca programmazione di eventi, mai come quest’anno varia e articolata. “L’Estate Musicale è il nostro fiore all’occhiello – afferma Cipani – ed è intenzione della mia amministrazione sostenerla e rafforzarla anche in futuro, specie adesso che ci si avvicina all’edizione del sessantennale”. “In effetti il nostro festival– gli fa eco Tranquilli – è tra i più longevi in Italia e noi siamo ben consapevoli di questa responsabilità che ci impone di concepire una manifestazione qualitativamente sempre più importante e al passo coi tempi”.

L’edizione 2016 dell’Estate Musicale del Garda è stata scandita da quattro eventi di assoluto prestigio accompagnati da un pubblico che ha costantemente riempito piazza Duomo e le navate della Cattedrale. Formidabile il concerto inaugurale che ha visto il violinista Stefan Milenkovich, al debutto alla kermesse salodiana, interprete dei Concerti nn. 1 e 2 di Paganini con l’orchestra I Virtuosi Italiani, un’esibizione esaltante per la facilità con cui il virtuoso di origine serba ha affrontato pagine di inarrivabile difficoltà.

Il secondo evento è stato all’insegna dell’innovazione e ha visto Enrico Rava, il più famoso e stimato jazzista italiano, rimettersi in gioco in un progetto che ha visto il celebre musicista eseguire i suoi standard in una nuova versione per quartetto jazz e orchestra d’archi, elaborati per l’occasione da Corrado Guarino, un grandissimo successo.

Classicissimo, invece, ma non meno interessante il concerto dell’orchestra I Pomeriggi Musicali diretta da Pavel Berman con cinque tra i più talentuosi giovani solisti italiani e un programma di straordinaria bellezza che ha visto eseguire in successione il Triplo Concerto di Beethoven e il Doppio di Brahms. Affascinante, per l’immediatezza e trasversatilità stilistica dei brani, il concerto d’epilogo in Duomo, con solisti il chitarrista Luca Lucini, attualmente il più affermato musicista salodiano, e Mario Stefano Pietrodarchi al bandoneon, con la Gasparo Chamber Orchestra a sostenere il duo in un programma che ha spaziato da Vivaldi a Morricone, dallo struggente Concerto de Aranjuez a Oblivion di Piazzolla.

Un’edizione da ricordare realizzata grazie anche alla generosità degli sponsor: OMR, Farmacia de Paoli, Travel Charme, Robox, Thalna, A2A, Banca Valsabbina, Pavoni, Fonte Tavina, Biondo Costruzioni, Mesdan, Manital.

  • Share:

Leave a comment